COME FARE ORTO

La semina nell’orto

Se siete pronti per la semina suppongo conosciate già i preparativi necessari per il vostro terreno, se così non fosse vi consiglio di leggere la preparazione del terreno per l’orto e come preparare il terreno per la semina, in modo da conoscere tutta la procedura completa indispensabile prima della semina. Se avete seguito passo passo i vari consigli che vi ho dato a questo punto avrete la terra, friabile, concimata al punto giusto e con i vari solchi (vi consiglio di leggere anche  Solchi nell’orto) e potete procedere con la semina del vostro prodotto. Cominciamo col dire che possiamo scegliere tra utilizzare la piantina o il seme quindi vi parlerò di trapianto o semina come fare orto la semina e il trapiantoIl trapianto. Rimuoviamo la piantina, con tutta la terra, dal vasetto di plastica in cui solitamente si trovano quando le acquistiamo, utilizziamo un bastone o una piccola paletta per fare un buco nel solco della larghezza del vaso e 5 cm più profondo, inseriamo la piantina con la terra nel buco e avviciniamo la terra al fusto della piantina premendo un po’ per stabilizzarla (potete usare anche il trapiantatore che dimezzerà il tempo necessario, se dovesse servirvi ho a disposizione un buono sconto ). Una volta trapiantate tutte le piantine bagniamo abbondantemente. E’ la terra che va bagnata abbondantemente non la pianta, evitate quindi di vaporizzare l’acqua su tutta la superficie coltivata. Il solco che avete precedentemente creato serve proprio per trattenere l’acqua (leggi anche come bagnare risparmiando acqua) quindi con il classico tubo da giardino o con l’innaffiatoio versate l’acqua nel solco. Se non bagnate le foglie eviterete fastidiose malattie delle piante che potrebbero influire negativamente sulla produzione delle vostre colture.   come fare orto seminaLa semina. Questa procedura può essere fatta, secondo il prodotto che volete seminare,  in due modi:

  • Semina a spaglio.Gettare nel modo più uniforme possibile la semenza su un’area di terreno piano e friabile, suddiviso in aree di circa un metro quadro, in modo da poter raggiungere il centro senza calpestare la zona coltivata. Quando i semi sono adagiati sul terreno verificate la loro uniformità e aggiungete o diradate la semenza in base alle necessità. Ora ricoprite il tutta l’area con 2 o 3 cm di terra friabile per evitare che gli uccelli o le formiche abbiano libero accesso ai semi. Compattate il terreno con il dorso della pala e innaffiate abbondantemente. La terra per i primi 3 giorni dovrà rimanere sempre molto umida per agevolare la germinazione. Vi consiglio in questo caso un’innaffiatura a pioggia molto dolce per evitare che getti troppo forti spostino i semi. Utilizzando questo metodo, in un secondo momento, potrebbe sìessere necessario procedere con il trapianto, per diradare le piantine troppo vicino tra loro
  • Semina in solco o in buche Realizzate delle buche (preferibilmente in linea) o dei solchi, mettete due o tre semi per buco o a mucchietti distanziati nel caso del solco, ricoprite con la terra e compattatela per evitare che se li mangino gli uccelli e bagnate abbondantemente per i primi 3 o 4 giorni.

Entrambi i metodi sono molto validi, la scelta dell’uno o dell’altro dipende da voi. Per agevolarvi nella scelta vi elenco adesso i pro e i contro di entrambi i metodi.

  • trapiantare un prodotto permette di diminuire i tempi ma dobbiamo affrontare la spesa del costo delle piantine.
  • seminare è più economico ma necessità di più tempo prima di raccogliere il prodotto.

Vi consiglio di piantare un bastoncino sul bordo del terreno appena seminato e di attaccarci la busta della semenza che avete utilizzato, in modo da ricordare cosa avete seminato prima che la piantina germogli. Se volete riparare ulteriormente la terra seminata vi consiglio di utilizzare dei teli protettivi traspiranti (vedi sotto quello che uso io) così eviterete che la pioggia forte e gli uccelli possano rimuovere i semi prima della germinazione. Per alcuni prodotti è necessaria una maggior tutela durante la fase di germinazione quindi la semina andrà fatta in un ambiente caldo, ad esempio una piccola serra o dentro casa. Se avete spazio e voglia potete anche realizzare un ambiente protetto dove seminare al riparo dalle intemperie, scopri come fare un semenzaio.

PRODOTTI CONSIGLIATI

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SICUREZZA *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>